sabato 8 dicembre 2012

Paste di mandorla siciliane


Dolci golosità: Paste di mandorla


Preparati con ingredienti semplici e genuini, le paste di mandorla sono uno dei prodotti tipici siciliani realizzati con le famose mandorle di Sicilia.
Le paste di mandorla originali ( si perchè c'è chi spaccia per originale ciò che è chiaramente una triste imitazione) sono bianche, ricoperte di zucchero a velo ed hanno la caratteristica di essere morbide. Quest'ultima caratteristica è proprio uno dei problemi che i produttori riscontrano quando esportano questi dolcetti, le paste di mandorla sono morbide ma col passare del tempo tendono ad asciugarsi. Per limitare il problema si confeziona il prodotto singolarmente, ma ugualmente dopo un po' di settimane tendono a seccarsi. Non che non siano più buone, ma semplicemente si va a perdere una delle caratteristiche che contraddistinguono il prodotto.
Un altro inconveniente in cui si potrebbe incappare sono le mandorle provenienti da chissà quale parte del mondo. Non sono contraria all'importazione, anzi, ma credo fermamente che bisogna preferire i prodotti nostrani, molto spesso a spendere qualcosina in più ci si guadagna in gusto. 
Ricapitolando, se non siete sicuri che il vostro pasticcere di fiducia vi faccia mangiare le vere paste di mandorla oppure non siete convinti che usi le vere mandorle siciliane, fate come me....fatevele voi a casa! Anche se non saranno quelle originali al 100% avrete la sicurezza che nessuno vi sta pigliando per i fondelli e ci risparmierete anche un po' di soldini.
Personalmente ho preferito preparare le paste con questa forma perché nelle pasticcerie in cui le ho mangiate  facevano una forma che assomigliava più ad un mucchietto che non ad una esse, credo che dipenda da zona a zona, ma ognuno ci può fare la forma che preferisce, l'importante è che si facciano delle forme "cicciotte" altrimenti il risultato finale ne verrebbe compromesso.
Un ultimo appunto e poi possiamo procedere con la ricetta, le mandorle non devono essere tostate, vanno pelate e successivamente asciugate. 
Infine colgo l'occasione per augurare a tutti un buon ponte dell'Immacolata!



Paste di mandorla

Ingredienti
300 g di mandorle pelate
300 g di zucchero semolato
72 g di albume
1 cucchiaio di miele
2 mandorle amare (oppure 3 gocce di aroma)

Inoltre
zucchero a velo q.b.

lunedì 3 dicembre 2012

Pan brioche con marmellata ed uvetta

Dolci golosità: pan brioche con marmellata e uvetta


Il pan brioche quello morbido e profumato, quello che tagliata una fetta poi ne vuoi subito un'altra, si proprio quello.... finalmente è uscito dal mio forno! Era tanto che volevo prepararne uno e dopo avergli preso le misure ho sperimentato una ricetta trovata in rete, quelle che si trovano sono più o meno simili ma.... delusione!
Si sà, la brioche deve avere una consistenza bella morbidosa e non una cosa che arrivata alla gola devi bere per fartela scendere giù, poi mi sono ricordata delle mie brioche fritte e preso in mano quell'impasto, magia!
Gente.... se volete una brioche super morbida appuntatevi questa ricetta che non ne rimarrete delusi, la consistenza è uguale a quella del panettone, anzi sto pensando d'usare lo stesso impasto con qualche modifica per farne uno a Natale. Il sapore è identico anche perchè l'ho farcito con la mia marmellata al mandarino cinese, uvetta, vanillina e l'aroma ''Spumadoro'' che dà un sapore praticamente uguale al panettone. Se voi invece non ce l'avete sottomano potete abbondare di scorza d'arancia, ma potete aromatizzare con quello che vi piace: bacca di vaniglia (che taglierete a metà, leverete i semini con la punta di un coltello e lascerete in infusione quando andrete a riscaldare il latte), gocce di cioccolato, scorza di limone ecc.
L'unica raccomandazione che mi sento di darvi è di stare attenti alla cottura, come potete vedere dalle foto il mio è uscito abbastanza colorito, anche se potrebbe sembrare non è bruciato è che l'uovo spennellato sopra si colora quasi subito e quindi ne consegue un colorito forte a cottura ultimata. Nella ricetta c'è scritto come fare per non bruciarlo anche perchè, purtroppo, con i forni casalinghi è molto facile, anzi colgo l'occasione per ricordarvi che io uso un forno ventilato.
Un'altra raccomandazione è quella di seguire scrupolosamente le indicazioni nella fase d'impasto, nelle ricette trovate in rete ho notato che nessuno si sofferma su questo punto che invece è la fase cruciale, impasto e lievitazione determinano il risultato finale.
Prossimamente sperimenterò il panettone con questa ricetta, spero di darvi belle notizie anche perchè  se i tempi di lievitazione sono più o meno uguali, la lavorazione è praticamente dimezzata anzi, direi che è ridotta al minimo e il risultato è identico.  Vorrei potervi porgere una fetta di questo pan brioche per farvi testare con mano, o meglio...col palato quanto vi sto dicendo! ^_^
A presto e ricordo ancora che questa è la stessa ricetta delle Brioche fritte con qualche piccola modifica.


Treccia di Pan brioche con uvetta e marmellata

Ingredienti

400 gr farina di manitoba
100 gr farina 00
150 ml latte
3 uova medie
50 gr burro
120 gr di zucchero semolato
12 gr di lievito di birra
1/2 cucchiaino di sale
1 cucchiaio abbondante d'aroma Spumadoro (oppure la scorza grattugiata di un'arancia e limone)
1 bustina vanillina
Inoltre
70 gr d'uvetta
6 cucchiai di marmellata al mandarino cinese
Per la doratura
1 tuorlo d'uovo
poca acqua

lunedì 26 novembre 2012

Torta di mandorle


Dolci golosità: Torta alle mandorle


 Oggi vi presento una gustosissima torta alle mandorle totalmente gluten free e di facile esecuzione, ma...partiamo dall'inizio.
Circa un paio di settimane fà mi sono vista recapitare dal mio ragazzo una sostanziosa busta piena di mandorle, ci tengo a precisare, pazientemente raccolte da mia suocera nel suo mandorleto. Volevo inaugurare queste bontà con una ricetta nuova ed alla fine ho messo su questa ricetta semplice semplice, niente farina solo mandorle uova zucchero burro e un po' di amido di mais che, volendo, potrebbe essere anche omesso.
Io sono partita con la mandorla nel guscio quindi spiegherò la ricetta con tutti i passaggi ma se avete la farina di mandorle già bella e pronta potete iniziare direttamente dal punto 2.
Volendo potete fare delle aggiunte alla ricetta, tipo 70 gr di mandorle spezzettate che andrete ad aggiungere alla fine della preparazione del composto; oppure delle omissioni, tipo la bagna che ho aggiunto prima di glassare il dolce. Oppure come ho scritto prima non aggiungere l'amido di mais e di conseguenza il cucchiaino di bicarbonato che ho inserito per far gonfiare un pò la torta. Per essere ben chiara: non ci va lievito, solo un cucchiaino di bicarbonato se aggiungete i 50 gr di amido o di farina.
Spero vi piaccia, è una torta adatta agli amanti delle mandorle e del cioccolato: matrimonio perfetto direi!
Potete usare questo dolce come dessert di fine pranzo tra amici, oppure come spezzafame pomeridiano. Si presta benissimo a tutto, solo ad una cosa non è adatto...alla dieta, haime!
Partiamo con la ricetta va, che è meglio...^_^


Torta alle mandorle

Ingredienti

220 gr mandorle (prive di guscio)
50 gr amido di mais
4 uova
200 gr zucchero
100 gr di burro
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale
3 mandorle amare ( o aroma di mandorle)
1 bicchierino di mandarinetto

Bagna
1 bicchierino d'acqua
1 bicchierino di mandarinetto
zucchero

Glassa
200 gr di cioccolato ( io fondente)
70 gr di burro
2 cucchiai normali di acqua


mercoledì 31 ottobre 2012

Crumble di mele e cioccolato

Dolci golosità: Crumble di mele e cioccolato



Il crumble di mele è un dolce al cucchiaio tipico inglese formato da uno strato, in questo caso di mele, ricoperto da uno di briciole (termine che, tradotto in inglese, dà il nome al dolce: crumble). Nasce proprio con le mele ma molteplici sono le sue varianti, infatti si possono usare: pere, ciliegie, uva, kiwi, ecc.; adatto quindi per venire incontro ai diversi gusti personali. La mia ricetta richiama quella originale, ma ho voluto personalizzarla un pò rendendola più golosa aggiungendo delle scaglie di cioccolato al composto di copertura.
Questo è un dolce che usualmente si serve caldo, magari accompagnato da una salsa, ma si può consumare benissimo anche freddo.
Prima di passare alla ricetta vi vorrei dare alcune dritte. Quando il dolce è in fase di cottura  tende a portare in superficie parte dei liquidi della frutta, potete notare il rigolo della colata nelle foto in basso, perciò vi consiglio (onde evitare di sporcare il forno) d'usare una teglia leggermente più alta oppure di adagiare un foglio dall'alluminio sulla griglia del forno prima d'appoggiare la teglia.

Per adesso vi saluto e se magari vi state chiedendo il perchè non abbia postato ricette inerenti  Halloween...non ho mai festeggiato questa ricorrenza, magari un giorno se avrò dei nanetti per casa mi ritroverò anche io dedita alla realizzazione di dolcetti paurosi, ma per adesso ne sono salva!
Un buon ponte a tutti =)


Crumble di mele e cioccolato

Ingredienti per 6 persone

200 gr farina
150 gr burro
150 gr zucchero
1 bustina vanillina
1 pizzico di sale
100 gr cioccolato in scaglie
1 cucchiaio di cannella in polvere
succo di un limone
2 cucchiai di zucchero di canna
2 mele grandi (circa 400 gr)


lunedì 22 ottobre 2012

Crostata d'uva bianca

Dolci golosità: Torta crostata d'uva bianca


Torta d'uva o crostata d'uva? Vi confesso che ci ho pensato un bel pò, il dilemma era che la base  l'ho fatta con della pasta frolla ma, all'assaggio, la torta è risultata molto più morbida della crostata tradizionale. Ripensandoci però, nonostante sia una crostata più morbida del consueto, nonostante sia ricoperta e a prima vista non è che verrebbe da dire: ah, guarda, una crostata! Ho sentenziato che è una crostata!
Ovviamente se non siete d'accordo siete libere di contraddirmi, anzi mi farebbe piacere sapere se le mie elucubrazioni sono semplici pippe o anche a voi qualche dubbio viene. =)
Superata (si fa per dire) la questione ''come s'intitola'' passo a descrivervi questo semplice e veloce dolce.
Il guscio, come già ribadito, è una frolla che risulta morbida grazie anche al ripieno che rilascia liquidi, noterete la dose un pò più abbondante che come capirete dipende dal fatto che ce ne servirà di più per ricoprirla. Ho preferito farcirla con dell'uva bianca perchè è un frutto di stagione e quindi se ne trova in grandi quantità in questo periodo. Potete farne uno o più strati, dipende dai vostri gusti, io con un grappolo da 400 gr circa ho riempito uno strato abbondante, ne ho usato un pò per la decorazione e me ne sono rimasti pochi altri acini.
L'idea in più in questo dolce è che ho spalmato un pò di marmellata sulla base prima di sistemare i mezzi acini. Idea rubata ad un pasticcere, che haimè non ricordo il nome, visto un pò di tempo fà in un programma su cielo. Io ho usato la mia marmellata di mandarini cinesi o kumquat, la trovate QUI, è un accostamento secondo me molto azzeccato, la dolcezza dell'uva e la leggera asprezza della marmellata di mandarini cinesi dà un giusto equilibrio al gusto. Ovviamente voi potrete usare la frutta e la marmellata che preferite!
Che ne dite iniziamo?


Crostata d'uva bianca

Ingredienti per 8 persone

540 gr farina
280 gr burro
280 gr zucchero
3 uova
bustina di lievito per dolci
1 cucchiaio di cacao amaro
2 bustine di vanillina
400 gr circa di uva bianca
un pizzico di sale
2 cucchiaiate abbondanti di marmellata ai mandarini cinesi (o quella che preferite).


martedì 16 ottobre 2012

Torta pere e banane

Dolci golosità: Torta pere e banane


Ritorno con la ricetta di una soffice torta con pere e banane dopo quattro lunghi mesi di latitanza. Non mi giustifico e non faccio giri di parole, non sono mancata per i troppi impegni o per chissà quale motivo, non ho continuato a scrivere sul mio caro blog semplicemente perchè mi era venuta a mancare la voglia di farlo. In passato mi era capitato, leggendo qua e là tra i vari blog, di imbattermi in blogger che avevano passato prima di me per questo strano limbo d'inerzia. Personalmente credevo non mi potesse mai capitare, prendevo e prendo questo blog come un passatempo e se di tempo a disposizione ce n'è a vagonate e la passione per i dolci ancora di più uno si chiede.... perchè? Mah, non saprei spiegarmelo ma fortunatamente questo periodo nero è passato e quella voglia è tornata più forte di prima. Quindi rompo il ghiaccio e ritorno in carregiata con questa semplice torta di pere e banane, sofficissima e molto deliziosa adatta sia per la colazione che per un fine pranzo. 


Ingredienti per 8 persone: 

- 170 gr burro a temperatura ambiente
- 170 gr zucchero semolato
- 3 uova
- 50 ml liquore alla banana (oppure Rum)
- 50 ml nettare di pera (o succo di pera)
- 250 gr farina
- 2 cucchiai miele
- bustina vanillina
- scorza di limone
- bustina di lievito
- 2 pere medie
- 1 banana
- pizzico di sale
 
Per la copertura 
- 1 pera
- 1 banana
- zucchero di canna
- cannella

martedì 5 giugno 2012

Torta al cioccolato con crema alla nutella



E' facile dire torta, com'è facile pensare....stavolta devo variare, più difficile è invece la pratica!
In poche parole 2 giorni fà, oltre la ricorrenza della festa della Repubblica, ricorreva il ç#§...iesimo compleanno del mio papà. L'età l'ho saggiamente criptata, anche se è più reale che i lupi della montagna venghino a mangiare nelle ciotola del mio cane...ma non si sà mai che venga all'orecchio al matusalemme che io abbia svelato la sua reale età. ^-^
Tornando alla torta....volevo variare, il cocco poco si addiceva all'occasione, allora ho pensato ad una torta cioccolatosa. Il pan di spagna l'ho fatto appunto col cioccolato ed è risultato molto morbido, proprio come lo volevo, per la crema alla nutella ho aggiunto della nutella alla normale crema pasticcera, come bagna ho usato del rum e per decorare ho usato cacao amaro e panna addizionata sempre con cacao amaro. Risultato ottimo, sopra le aspettative, solo per decorazione forse mi potevo impegnare di più...ma non sò il perchè quella mattina la panna non mi reggeva sebbene fosse montata perfettamente!
Forse non sarà bellissima, la foto non perfetta...quando più ci tenete a fare perbene sembra che la nuvoletta di Fantozzi volteggi sopra di voi..ma alla fine non mi posso lamentare più di tanto, ho fatto di peggio. ^-^

Prima di passare alla ricetta vorrei porgere il mio pensiero a tutta la popolazione colpita del terremoto, anche se le mie parole servono a poco e forse non leggerete quanto scrivo, sappiate che il mio pensiero è rivolto a voi. Spero con tutto il cuore che questo sciame smetta subito e possiate ripartire più forti di prima. E spero ancora più fortemente che chi di dovere vi possa dare l'aiuto che spesso viene promesso e quasi mai mantenuto. Forza!!!


Ingredienti per una teglia da 22/24 cm

Per il pan di spagna al cioccolato
150 gr farina 00
4 tuorli
5 albumi
170 gr zucchero
150 gr burro
200 gr cioccolato fondente
mezza bustina di lievito per dolci
1 bustina vanillina 
1 pizzico di sale

Bagna
mezza tazza di rum
mezza tazza d'acqua
1 cucchiaio di zucchero

 Per la crema alla nutella
500 ml latte
3 tuorli
100 gr zucchero
40 gr fecola di patate
1 bustina vanillina o mezza bacca di vaniglia
1 pizzico di sale
2 cucchiai di nutella


Per la decorazione
250 ml panna da montare
cacao amaro qb
qualche nocciola e ciliegie sciroppate


lunedì 28 maggio 2012

Torta bavarese alle fragole

Dolci golosità: Torta bavarese alle fragole


Stavo entrando nel pallone, erano giorni che dovevo mettermi all'opera per preparare un dolce ma non avevo la più pallida idea di cosa preparare e perciò rimandavo a 'domani' sperando nella giusta ispirazione. Solo che questa benedetta ispirazione non arrivava e la  cosa mi sembrava abbastanza grave visto che di solito mi passano mille idee per la testa...che poi non le metto in pratica, è un altro discorso! ^_^
Vi dico solo che ero partita per fare un plumcake ed è uscita questa torta, non chiedetemi quali voli pindarici ha intrapreso il mio cervello perchè la mia faccia assumerebbe le fattezze di quella di un pesce rosso, non me lo so spiegare...nanana-na-nana-nana, alla Checco Zalone che imita Ferro :]
Tornando a noi, partita con l'idea di fare un plumcake ne è uscita una torta fatta con una bavarese di fragole più qualche lampone aggiunto nella decorazione e nel coulis, perciò la base è un plumcake che ho invece cucinato in una teglia da forno da 24 cm. La famosa lampadina delle idee si è accesa proprio nel momento in cui dovevo preparare il coulis, che di solito si usa spargere omogeneamente sul dolce per creare uno strato di gelatina, invece di distribuirlo sulla torta mi è venuta l'idea di versarlo negli stampini a forma di cuore per poi adagiarli sulla torta. Che ne dite vi piace l'idea?
Ma ora passiamo alla ricetta così vi spiego cosa e come ho fatto....


Ingredienti per una teglia da 22/24 cm

Per la base
200 gr di farina 00
150 gr di burro ammorbidito a temperatura ambiente
3 uova
180 gr di zucchero
mezza bustina di lievito per dolci
aroma rum 
1 cucchiaio di latte
1 pizzico di sale

Per la bavarese
500 ml latte
50 gr amido di mais
120 gr zucchero
12 gr colla di pesce
un pizzico di sale
200 gr di fragole (oppure 2 cucchiai di pasta di fragole o marmellata)
qualche goccia di colorante rosso (facoltativo)
250 gr di panna da montare

Per il coulis ( i cuori)
150 gr di fragole ( io ho aggiunto anche lamponi)
2 cucchiai di zucchero
qulche goccia di succo limone
1 foglio di colla di pesce (io uso quello pane angeli)

Inoltre
10 fragole ( io anche lamponi) per la decorazione
un ciuffo di menta
mezzo bicchiere di rum per la bagna


venerdì 18 maggio 2012

Cupcake con frosting di yogurt alla fragola philadelphia e cocco

Dolci golosità: Cupcake con frosting di yogurt alla fragola philadelphia e cocco


I cupcakes sappiamo che sono dei dolci tipicamente americani, con frosting (ma diciamolo anche all'italiana... copertura) tipicamente calorica e stucchevole. Ce ne sono mille versioni, con pasta di zucchero che trasformano questi dolcetti in vere e proprie mini torte decorate, con frosting a base di burro che belli si...sono belli, ma a me l'idea di masticare burro non ha mai entusiasmato!!! Quindi, dopo aver proposto un bel pò di tempo fà quelli allo yogurt con  copertura di glassa oggi vi presento dei cupcake basic con frosting di yogurt alla fragola e formaggio spalmabile con cocco.
Il problema dei frosting è che devono essere abbastanza sostenuti per ovviare il problema...''ommioddio!!!! Emmocomefaccio che mi stanno colando??'' 
Perciò, regola numero uno: non usare mai prodotti troppo molli altrimenti il frosting ci toccherà mangiarlo direttamente dal piattino; 
regola numero due: la regola numero uno si può tranquillamente annullare se usiamo un pò di arguzia!
Per i miei cupcakes ho usato un formaggio spalmabile tipo Philadelphia in vaschetta, yogurt cremoso, ma veramente cremoso, preparato con formaggio fresco. *L'ho comprato alla Lidl, l'etichetta riporta: ''Preparazione a base di formaggio fresco (Quark);  in superficie troviamo uno yogurt che ha la consistenza del yogurt greco e alla base uno strato di topping alla fragole che andrà amalgamato. Per chiarire ogni dubbio inserirò nella ricetta anche la foto dello yogurt in questione, comunque si può usare qualsiasi yogurt basta che appunto sia cremoso.
Per arricchire il sapore dello yogurt alle fragole e del formaggio spalmabile ho pensato bene di aggiungere qualche cucchiaiata di cocco disidratato...ormai lo metto dappertutto, un altro pò pure sopra i maccheroni al posto del pecorino ^-^.
Un piccolo segreto per far sostenere la crema??? Aggiungo un pò di amido di mais nel preparato e la mia crema vince ogni legge di gravità che piomba su di essa. Banale ma risolutiva, è il risultato quello che conta, no? E poi il sapore non ne risente per nulla, quindi provare per credere.
Ma ora basta con le chiacchere e passiamo alla ricetta :)


Ingredienti per 12 cupcake:

 Per i cupcake
- 130 gr burro a temperatura ambiente
- 140 gr zucchero
- 190 gr farina 00
- 80 ml latte
- 3 uova
- vanillina
- 1 e 1/2 cucchiaino di lievito
- 1 pizzico di sale
- scorza grattugiata di 1 limone

Per il frosting
- 80 gr di formaggio spalmabile
- 3 cucchiai di zucchero
- *125 gr yogurt cremoso (fedi foto in basso)
- 45 gr amido di mais
- 2 cucchiai cocco disidratato
- 1 pizzico di sale

Decorazione
- cocco disidratato
- colorante alimentare


giovedì 10 maggio 2012

Biscotti integrali

Dolci golosità: Biscotti integrali


Contrariamente a quanto possano credere in tanti i biscotti integrali non sono dei biscotti ''light'', cioè poveri di calorie, ma  bensì dei biscotti dietetici. Attenzione, dietetico non significa ''che fa dimagrire'' ma che è indicato per un'alimentazione particolare!
I biscotti di farina integrale, come tutti gli altri alimenti prodotti con tale farina, vanno preferiti a quelli tradizionali perchè sotto l'aspetto nutritivo sono molto più sani. Chi è a dieta e non rinuncerebbe mai e poi mai al suo biscotto quotidiano dovrebbe preferire i biscotti di farina integrale perchè contiene dei nutrienti molto favorevoli per il nostro organismo. Prima di tutto la farina integrale contiene le fibbre che aiutano il nostro intestino, poi è molto più ricca di proteine, di ferro e altre vitamine che nella farina bianca sono presenti in quantità molto ridotte.
Prima di adesso non avevo mai mangiato biscotti integrali, sono stati una bella scoperta, credo che mi terranno compagnia per tutta l'estate, almeno daranno una mano al mio intestino pigro accompagnati da una buona dose di yogurt magro. 
Nella ricetta ho preferito inserire lo zucchero di canna, ma se voi non lo preferite potete usare lo zucchero semolato. Durante la lavorazione noterete che l'impasto sarà un pò ''sbricioloso'',  è la farina che provoca quest'effetto, ma con un pò di pazienza riuscirete ad amalgamareil tutto, quindi non mandatemi a quel paese se noterete qualcosa di strano...è normale, come già detto ci vorrà solo un pò più di pazienza. ^_^

Con questa ricetta vorrei partecipare al contest di BperBiscotto ''Colazione da Zalando'' , ci è stato chiesto di raccontare cos'è per noi l'eleganza. (Per maggiori info andate in fondo al post)

''Per quanto mi riguarda l'eleganza è un dettaglio portato con naturalezza, una nota che non stona nell'armonia. Non è apparire ma essere, non è indossando un capo elegante che lo si diventa a sua volta, l'eleganza è un modo d'essere, ci si nasce e non si diventa. Quindi l'eleganza può racchiudersi nella margheritina che sbuca dal bordo dell'asfalto, non è  ricca ma ''signora''!
In definitiva per me l'eleganza è la semplicità che riesce a farsi notare, come questi biscotti creati con una farina rustica e poco utilazzata, modellati coi rembi di una forchetta ma con l'effetto  decisamente delizioso alla vista oltre che al palato. Un biscotto sano ed elegante!''

Ingredienti:
- 500 gr farina integrale
- 180 gr burro
- 160 gr zucchero di canna
- 1 uovo
- un cucchiaio di panna o latte
- il succo di mezzo limone
- 1 bustina di vanillina
- 1 cucchiaino abbondante di bicarbonato
- un pizzico di sale


venerdì 4 maggio 2012

Torta compleanno decorata con cocco

Dolci golosità: Torta compleanno decorata con cocco
Torta compleanno decorata con cocco
Torno dopo una settimana abbondante d'assenza dove dispiaceri si sono mischiate a gioie...la vita è così...si sa!
Vi faccio vedere la torta che ho preparato per il compleanno di mia madre, dopo l'esperienza della Torta rainbow non ho resistito a non continuare sulla stessa linea. Il cocco si presta benissimo per le decorazioni, è una bella scoperta anche perchè basta avere un pò di fantasia ed escono fuori delle creazioni carine...almeno per me lo sono!^_^
Purtroppo a casa mia la pasta di zucchero non è apprezzata, quindi qualcosa ci si deve ingegnare per mettere sù delle torte carine alla vista, questa tecnica mi è davvero d'aiuto e credo che continuerò a sperimentarla azzardando disegni più complicati.
Quella che vedete è stata realizzata con l'ausilio di 2 terrine di misure una piccola dell'altra e di bicchierini di plastica, niente di più.
La ricetta è simile a quella della torta rainbow solo che  la crema pasticcera è stata addizionata con la pasta di nocciole, avrete una crema alle nocciole squisitissima! 


Ingredienti per una tortiera da 22/24
Pan di spagna
- 150 gr farina 00
- 170 gr zucchero semolato
- 4 tuorli
- 5 albumi
- mezza bustina lievito
- aroma vaniglia
- un pizzico di sale
- un cucchiaio acqua tiepida
Farcia
- 500 ml latte
- 3 tuorli
- 100 gr zucchero
- 50 gr amido di mais
- aroma vaniglia
- un pizzico di sale
- 2 cucchiai di pasta di nocciole Saracino
Inoltre
- 150 gr scaglie di cioccolato
Decorazione
- cocco disidratato ( mezzo bicchiere circa per colore)
- colorante alimentare
- 200 ml panna da montare
Bagna
- 1 tazza d'acqua 
- 2 cucchiai di zucchero
- mezzo bicchiere di liquore


mercoledì 25 aprile 2012

Burro di arachidi

Dolci golosità: Burro di arachidi
Burro di arachidi
Lo confesso...erano anni che desideravo assaggiare il famoso burro d'arachidi. Questa curiosità mi è nata guardando un vecchio telefilm americano (ma và!!!) Pappa & Ciccia, ricordate? Quella sgangherata famiglia si prendeva letteralmente a cazzotti per una cucchiaiata!!!
Sono consapevole che questo è il periodo meno opportuno per proporlo, se mai ce ne fosse realmente uno...la prova costume incombe, dopotutto questo burro è solo una bomba a mano ma non ho resistito, ho un esperimento in cantiere e mi urgeva il burro d'arachidi. Siccome mio padre le arachidi le compra a sacchi, non sto scherzando, ne và pazzo....mi sono lanciata!
Non c'è nulla di più semplice di questa ricetta, pochi sono gli ingredienti e minimo, quasi nullo il tempo di preparazione. Vi avverto però, si deve andare piano con questo burro, abbiamo la bellezza di 750 kcal per 100 gr di prodotto.
Nella ricetta che vi riporterò a breve troverete 2 varianti, oltre alle arachidi e all'olio (che è la ricetta base) vi darò le indicazioni per preparare un burro d'arachidi per un utilizzo salato o dolce. In vari Paesi usano questo burro per condire anche la pasta o i contorni, se ve la sentite di provare.... a me onestamente manca il coraggio, caso mai sarei felice di sapere cosa ne esce fuori ^-^
Prossimamente vi farò vedere come l'ho utilizzato io, per ora se ne sta buonino nel frigo dove si conserva tranquillamente per un paio di settimane.

Ingredienti:

- 250 gr di arachidi (peso senza guscio)
- 2 cucchiaini di olio d'arachidi (va bene anche quello d'oliva o di semi)

Se lo preferite per il salato
- 1 pizzico di sale

Se lo preferite per il dolce
- 2 cucchiai di zucchero a velo


mercoledì 18 aprile 2012

Biscotti al Marsala

Dolci golosità: Biscotti al Marsala
Biscotti al Marsala
I biscotti al Marsala sono dei biscotti rustici che possono essere consumati sia per la prima colazione che inzuppati nel vino. Sono dei biscotti molto gustosi, friabili e contengono pochi grassi. 
Avevo adocchiato questa ricetta su un sito che gli faccio un favore se non lo nomino, non capisco a che pro mettere online delle ricette che poi si rivelano dei veri disastri! Già a colpo d'occhio qualcosa mi diceva che nel bilanciamento tra ingredienti liquidi con quelli solidi c'era qualcosa che non andava, infatti mettendo le mani in pasta...un disastro! Fortunatamente avevo la pulce nell'orecchio e mi ero già organizzata, ho bilanciato le dosi e infine l'impasto è riuscito perfetto! 
Almeno mi è rimasta la soddisfazione di dire a tutto titolo che questa ricetta è mia, e non cito nessun sito...tiè! ^_^
Questi biscotti non sono tanto dolci, se preferite potete aumentare di poco le dosi di zucchero, 50 gr, oppure spolverarli superficialmente con zucchero di canna come ho fatto io con alcuni.
Per quanto riguarda al Marsala io ne ho usato uno aromatizzato all'uovo, ottimo direi.
Le dosi che vi andrò a proporre sono abbondanti, voi potete tranquillamente prepararne metà dose...anche se credo che a farne di più non andrebbero di certo perduti!!!

Ingredienti:
- 700 gr farina 00
- 50 gr farina di riso
- 180 gr zucchero semolato
- 160 gr burro fuso
- 150 ml Marsala all'uovo
- 2 uova
- 1 bustina di lievito per dolci
- la scorza di un limone
- 1 bustina di vanillina
- 1 pizzico di sale

venerdì 13 aprile 2012

Candy rock: lecca lecca di zucchero candito

Dolci golosità: Candy rock lecca lecca di zucchero candito
Candy rock

Inizio questo post con un entusiasmo quasi infantile, perciò mettetevi comodi ed armati di santa pazienza!!! 
Questa di oggi più che una ricetta è un esperimento durato settimane che iniziò grazie ad un viaggio nei meandri della rete. Clicca qua clicca là e arrivo in una pagina di un sito americano dove vedo per la prima volta questa ''cosa'' meravigliosa .....si, ma cos'è? Fino a candy c'ero arrivata...caramella, rock= duro, ma a lì mi ero fermata! Attivo il paziente traduttore di google e mi si apre un mondo! 
Prendo carta e penna e mi appunto tutto, un cups di questo, 2 cup di quest altro, ma ''cups'' dico  io, è tutto ciò che di meno preciso ci possa essere!!!!!!  Questo stando al target dei  miei neuroni, eh!
Vabbè mi butto, dico tra e me che se ne esce una ca..ta primordiale mica lo vede qualcuno!?! Infatti il primo esperimento è un placca di cui appena sopra descritto...delusione infinita!!!!!
Non mollo!
Dalle poche notizie raccimulate qua e là, indirizzata sempre dal buon traduttore google, avevo ''capito'' che la soluzione che si doveva andare a creare doveva essere sì satura ma non troppo altrimenti il risultato sarebbe stato un unico blocco di zucchero...infattamente quello era stato il risultato del mio primo esperimento

Dolci golosità: Candy rock lecca lecca di zucchero candito
Prima disfatta
Come potete notare dalla foto, lo sciroppo era così saturo che il bastoncino si intravedeva a malapena attraverso il bicchiere. Nel giro di due giorni i cristalli si erano moltiplicati a dismisura fino a formare un unico blocco di zucchero. 
Il dosaggio andava sitemato!

Non vi racconto palle, sono andata ad occhio o come si dice dalle mie parti...a sentimento e mi ha detto bene!
Al secondo tentativo mi è andata di lusso, quasi non ci credevo al piccolo miracolo del moltiplicarsi dei cristalli che avveniva ora dopo ora.
Non sono un'esperta in chimica (ne avevate il sospetto, vero?) però questa ''reazione'' mi ha veramente incuriosita,   purtroppo non sono riuscita a trovare molto sull'argomento. Forse sarebbe il caso  di rivolgermi direttamente ad un esperto, non escludo aggiornamenti non appena riuscirò a saperne di più. Non vi tedierò oltre per adesso, vi vado ad esporre le dosi e il procedimento per questa ricetta che ricetta non è, ma un esperimento che spero vi divertirete a riprodurre a casa vostra magari insieme ai vostri bambini.

Ingredienti per 2 bastoncini medio grandi:
- 650 gr zucchero semolato
- 226 ml acqua
- 1 cucchiaino di aroma
- colorante alimentare

Materiale per la realizzazione:
- 2 bicchieri di vetro
- 2 bastoncini di legno ( o spiedini)
- 2 mollette 

Procedimento;

martedì 3 aprile 2012

Torta rainbow

Dolci golosità: Torta rainbow
Torta rainbow
Ieri si è festeggiato S. Francesco di Paola e per l'occasione dell'onomastico mio e di mio padre ci siamo regalati una fresca torta rainbow.
Non avevo idea che dolce preparare, meno male che mi ha tolto dall'impiccio mia mamma suggerendomi di fare una torta!
Penso e ripenso ma...come la faccio sta torta?
Lampo di genio, esagero sempre, un lampo e basta. Mi sono ricordata che poco tempo fà avevo passato la serata a riguardare tutte le sigle dei cartoni animati dei miei anni, i mitici anni '80 e facciamo pure un pò '90. Mi sono quasi commossa nel rivedere tutti quei colori! Lo dico davvero, solo chi ha vissuto quegli anni può capire di cosa sto parlando, cartoni che rivedrei anche adesso senza vergogna. Ve li ricordate: ''L'incantevole Creamy'', '' Sandy dai mille colori'', ''Fiorellino giramondo'', ''Trilly'', ''Poochie'', ''Jem'' potrei andare avanti per ore, tutti bellissimi e colorati. Rimarranno immagini indelebili della mia infanzia, è onesto perciò voler omaggiare quei bellissimi pomeriggi, giusto? L'ispirazione quindi cadde a fagiuolo e torta rainbow dai mille colori stile anni '80 fù!!!!

Dolci golosità: cartoni animati anni 80
Foto dal web

Questa torta è stata progettata in corso d'opera, non avevo idea come decorarla, mi sono lasciata guidare dal momento e devo dire che ne sono rimasta molto contenta!
Sono rimasta molto contenta anche dal pan di spagna, questa volta mi sono allontanata dalla mia ricetta abituale aggiungendo invece qualche albume in più che mi avanzava e dei coloranti. Pan di spagna perfetto!
Non sò di preciso quanti albumi fossero, dal peso (70 gr) suppongo  2.
La decorazione è stata realizzata con del cocco disidratato e colorato con colori alimentari, molto facile da preparare. Niente di complicato, ci è voluto solamente un pò di attenzione nel sistemare il cocco, ma quando vedrete come ho fatto capirete che è semplicissimo.


Ingredienti per 10 persone:
Pan di spagna
- 150 gr farina 00
- 170 gr zucchero semolato
- 4 uova
- 70 gr albumi ( 2 uova circa)
- mezza bustina lievito
- aroma vaniglia
- un pizzico di sale
- un cucchiaio acqua tiepida
- colorante alimentare

Farcia
- 500 ml latte
- 3 tuorli
- 100 gr zucchero
- 50 gr amido di mais
- aroma vaniglia
- un pizzico di sale
- 50 gr cioccolato bianco
Inoltre
-8 fette di ananas


Decorazione
- cocco disidratato ( mezzo bicchiere circa per colore)
- colorante alimentare
- 200 ml panna da montare

Bagna
- 1 tazza d'acqua 
- 2 cucchiai di zucchero
- mezzo bicchiere di liquore

sabato 31 marzo 2012

Cheesecake alle albicocche con ricotta e crema pasticcera

Dolci golosità: Cheesecake alle albicocche con ricotta e crema pasticcera
Cheesecake alle albicocche con ricotta e crema pasticcera


Giaceva sconsolata in frigo una confezione di ricotta che oramai mi faceva pena, isolata là in un angolino e scansata da una parte all'altra senza essere presa in considerazione da nessuno.
Se lo dico non inorridite....era una ricotta da banco! 
I cultori di questo formaggio sanno benissimo che quella non è la vera ricotta, è solo una timida imitazione, quindi io mi lavo le mani come quel simpaticone leggendario e dò tutta la colpa a mio padre che, se non esce dal supermercato con 3,4, 5 cose che non servono e che nessuno calcolerà mai di striscio...non è lui!
Presa coscienza che mancavano solo 3 giorni alla scadenza e, che se fino a quell'ora nessuno l'aveva consumata, doveva pensarci qualcuno a prendere seri provvedimenti! Seri...si ok, avete capito, no?
Ho messo sù un finto cheesecake con una finta ricotta, la cosa quadra, no?
Ed ecco a voi un cheesecake (puristi per favore non odiatemi, ma in questi tempi è peccato sprecare) di ricotta e crema pasticcera. Si perchè oltre che finta, la ricotta era pure poca per fare un cheesecake che non fosse a misura di puffo.
Questa versione è stata cotta al forno, ma può benissimo essere preparata a freddo, basta aggiungere alla crema un foglio di gelatina messo in ammollo in poca acqua e strizzato, e poi via in frigo!
Di sopra ho aggiunto uno strato di yogurt cremoso addizionato con lo sciroppo delle albicocche, per mio gusto ho preferito spalmarlo per averlo colante però mi ha appesantito la crema di sotto, in alcuni punti ha ceduto un pò. Nella spiegazione invece darò la ricetta per avere uno strato omogeneo addizionato con la colla di pesce.
Il topping finale l'ho realizzato con albicocche sciroppate, ho usato le ''Goloserie di campagna'' prodotte da Cascina San Cassiano, davvero ottime perche nello sciroppo è presente vino Moscato d'Asti DOCG che regalano ai frutti un sapore davvero speciale. 
Va bene, ora bando alle ciance e partiamo con la ricetta.

Ingredienti per 8 persone:
Per la base
- 400 gr biscotti secchi
- 80 gr burro fuso
- 2 cucchiai zucchero

Per la farcia
- 250 gr ricotta
- 100 gr zucchero
- aroma vaniglia

Per la crema pasticcera
- 500 ml latte
- 3 tuorli
- 120 gr zucchero
- 40 gr amido di mais
- aroma vaniglia
- 1 pizzico di sale

Crema copertura
- 300 gr yogurt cremoso bianco
- 1 foglio colla pesce
- 20 ml sciroppo di albicocche

Topping
- 14 albicocche sciroppate ( io Goloserie di campagna )


Procedimento

venerdì 23 marzo 2012

Crostata alla crema di kiwi

Dolci golosità: Crostata alla crema di kiwi
Crostata alla crema di kiwi




Non so a voi ma a me il kiwi dà una grande sensazione di freschezza! Adesso che è arrivata la primavera lo cerco ancora di più e visto che c'ero.... ce l'ho infilato anche dentro e sopra alla crostata.
Fortunatamente non manca quasi mai a casa mia, è un frutto dalle mille proprietà benefiche e..lo sapevate che se assunto ben maturo è un ottimo depuratore dell'intestino? Infatti è il mio spazzino personale visto che il mio non è pigro...è un orso bruno perennemente  in letargo!

Questo è un dolce veloce veloce e se non avete o non vi piace il kiwi potete sostituirlo con qualsiasi altro frutto.
Prima di salutarvi volevo chiedervi....vi piace la nuova intestazione??? Ve ne siete accorti , vero??^_^
Un abbraccio a tutti  e state all'erta perchè prossimamente su questi schermi (lo so...fa molto tv anni 90') vi farò vedere un ricetta che ricetta non è,  che farà felici mamme  bambini e non..almeno spero!


Ingredienti per 8 persone:

Per la pasta frolla
  
- 300 gr farina 00
- 100 gr burro ammorbidito
- 150 gr zucchero a velo
- 1 uovo
- 30 ml latte
- 1 limone (il succo)
- 1 pizzico di sale
- 1 bustina vanillina

Per la crema

- 200 ml panna fresca (o da montare)
- 150 gr zucchero
- 3 uova
- 250 gr di kiwi (sono circa 3)
- 100 gr di amido di mais
- 2 cucchiai di rum
- 1 pizzico di sale

Inoltre
- 50 gr di biscotti secchi sbriciolati

Per guarnire
- 2 grossi kiwi
- 1 cucchiaio di marmellata (io quella di mandarini cinesi)

Procedimento


lunedì 19 marzo 2012

Cake alla Coca Cola

Dolci golosità: Cake alla Coca Cola farcito con crema al cioccolato
Cake alla Coca Cola

Era già da un pò di tempo che pensavo ad un cake che ospitasse nel suo impasto le simpatiche bollicine della Coca Cola...mancava solo un pò di coraggio per provare! Onestamente non credevo che l'aggiunta della coca cola potesse dare all'impasto nessun sapore, infatti non l'ha dato, però ero curiosa di vedere come si comportava con la lievitazione!
Questo è un esperimento che devo ancora perfezionare, il risultato è ottimo ma vorrei provare a farci il pan di spagna montando le uova come regola vuole. Infatti questo cake non è stato montato con le fruste, ho fatto tutto a mano procedendo quasi come si fà per fare i muffin. Come potete vedere l'impasto ha risposto bene, ho aggiunto solo un cucchiaino raso di bicarbonato per aiutare, ma alla prossima voglio provare senza. Unico neo che ho cotto questo cake nel forno della cucina a legna, quindi secondo me poteva gonfiare di più, cosa che non è accaduta a causa della temperatura ballerina del forno. Chi ha infornato in queste cucine sà benissimo che cucinarci lievitati è un suicidio...ma nonostante ciò il risultato è più che ottimo!
Io ho scelto di farcirlo con una ganache aromatizzata al caffè, ma voi poteteve farcirla con qualunque cosa.
Faccio una piccola premessa prima d'andare avanti....sappiamo tutti che con i dolci non si potrebbe accostare mai e poi mai la parola light, ce lo vedete voi un babà o un profitterol light?? Ma oggi siori e siore vi vorrei stupire...si come no...vabbè, è perchè non ho usato la classica Coca Cola, ma bensì quella light con meno di una caloria per 100 ml. Usando un liquido già zuccherato mi ha permesso di poter ridurre la quantità di zucchero nel composto. Con ciò non vi voglio intortare dicendovi che questo dolce sia light, basta soffermarsi a guardare il ripieno di cioccolata, ma se consumato in piccoli dosi e al posto del cioccolato lo farcite con un velo di marmellata è un'ottima colazione o merenda anche per chi vuole stare attento alla linea....vabbè ci ho provato! ^_^
Un ultimo appunto, la Coca Cola non deve essre sgasata per ovvi motivi e deve essere a temperatura ambiente, inoltre vi preciso che il cake è stato cotto in una formina del pane in cassetta.


 Ingredienti:
♥ 200 gr di farina 00
♥ 2 uova piccoli 
♥ 110 gr zucchero
♥ 70 gr burro fuso
♥ 100 ml Coca Cola Light (temperatura ambiente) 
♥ 1 cucchiaino raso di bicarbonato
♥ 1 bustina di vanillina
♥ 1 pizzico di sale

Per la ganache al caffè:
♥ 200 gr cioccolato alle nocciole
♥ 100 ml panna
♥ 50 ml caffè ristretto
♥ 50 gr burro

Inoltre
♥ zucchero a velo

Procedimento:

martedì 13 marzo 2012

Biscotti abbracci

Dolci golosità: Biscotti abbracci
Biscotti abbracci
E dopo che mio padre si è deciso a non comprare più biscotti al supermercato...in casa siamo tornati alla vecchia maniera, ce li facciamo noi! 
Non sò il perchè, lui nemmeno li mangia, gli era presa la scimmia di comperare  biscotti, potete immaginare il nervoso quando lo vedevo tornare??? Che poi non uno, ma due pacchi alla volta!!!
Spulciando tra le varie ricette già postate mi ero accorta che ancora non avevo proposto quelli degli abbracci, quelli della nota marca M.B., che poi alla fin fine non è che siano tanto diversi dai normali frollini. Tutto ciò si può notare dalle ricette che la ditta stessa mette on line nella sezione dei loro prodotti, però qualcosa la omettono.....come è giusto che sia!
Per preparare questi biscotti ci sono 2 procedimenti, uno veloce e uno standard. Io preferisco quello veloce per ovvi motivi ^_^ 
Per quello veloce impasto tutti gli ingredienti omettendo il cacao, che aggiungerò ad impasto pronto. Quello standard vuole che ci siano due impasti, in uno appunto viene eliminata la vanillina ed aggiunto il cacao. Per esperienza non cambia un granchè! Sotto vedrete elencati gli ingredienti per la versione veloce ma se volete optare per la versione standard basterà dividere in due gli ingredienti e fare due impasti distinti, solo che in quello bianco non aggiungerete il cacao e nell'impasto al cacao ometterete la vanillina.
Volevo fare una piccola aggiunta...avete per caso notato un ricercato senso anni '90 della foto? Non scoraggiatemi vi prego....
Si perchè gli abbracci erano biscotti che andavano molto in quegli anni, almeno in casa mia. Ho voluto ricreare lo scenario di un normale pomeriggio di quando ero una ragazzetta delle medie e facevo merenda dopo i compiti! Se notate sono presenti due cimeli anni '90 in bella vista, quello era il portachiavi attaccato al mio astuccio, l'astuccio s'intravede a mala pena. Ma vabbè, ho voluto fare una foto che mi ricordasse i tempi, beata gioventù!
Che altro dire....Viva i biscotti home made ^_^

Ingredienti:
- 500 gr farina 00
- 40 gr farina di nocciole
- 180 gr zucchero
- 200 gr burro
- 120 ml panna
- 1 bustina lievito
- 1 bustina vanillina
- 1 pizzico di sale
- 1 uovo grande
Inoltre
 - 20 gr cacao amaro

sabato 10 marzo 2012

Tartufini al peperoncino di Calabria

Dolci golosità: Tartufini al cioccolato con peperoncino di Calabria
Tartufini al peperoncino di Calabria
Prima o poi doveva succedere... da vera calabrese non potevo esimermi dal realizzare un dolce col peperoncino. Questi sono dei tartufini preparati con metà cioccolato fondente e metà cioccolato alla nocciola, però se voi lo desiderate potete optare per uno o per l'altro. 
Il peperoncino che ho utilizzato è  quello che vedete in foto, non sò bene come si chiami la varietà, da noi si chiama ''miccia i gattu''. Per la traduzione avrei due tre secondi d'imbarazzo e di schifidume, significa...ehm....la miccia sapete cos'è, vero? Ok...quella del gatto!  Che poi perchè associare l'organo sessuale di un gatto al peperoncino...mah!
Per me è mediamente piccante, per mia madre (che è grande consumatrice) è poco piccante, per mio padre (stitico al peperoncino) è il vulcano in piena...quindi non saprei dirvi precisamente se è molto piccante. Tutta questa disquisizione sulla piccantezza non è per farvi sapere i fatti di casa mia (che giustamente a voi poco importano), ma è per darvi indicazione sulla quantità di peperoncino da utilizzare nella ricetta. Partendo dal presupposto che non dovrete correre ad ululare nella vallata, stile Fantozzi, dopo aver mangiato questi tartufini, la sensazione di piccantezza deve essere molto blanda. Per farvi intendere meglio..quando il tartufino sarà in bocca voi sentirete poco o nulla del peperoncino, una volta che il dolcetto starà per essere ingoiato è lì che sentirete la piccantezza. Non sò se mi sono saputa spiegare, in poche parole la piccantezza si deve sentire all'ultimo e non appena si mette il cioccolatino in bocca.
Utilizzando 2 peperoncini come quelli in foto (sono circa di 2 cm l'uno), freschi mi raccomando, riuscirete ad arrivare al giusto grado di piccantezza, senza dover mettere poi ammollo la lingua ^_^
Vorrei aggiungere che se utilizzate peperoncini più grandi, ci sarà il problema delle sementi che non si riusciranno a sminuzzare bene. Non è bello mangiare un dolcetto e sentire sementi sotto ai denti!!!

Prima di lasciarvi vi vorrei ricordare la nuova iniziativa che ho lanciato nel post precedente share Y♥U recipe
vi aspetto!!!!


Ingredienti per circa 45 tartufini:
  • 100 ml panna
  • 60 gr burro
  • 100 gr cioccolato fondente
  • 100 gr cioccolato alle nocciole
  • mezzo bicchierino di rum
  • 2 peperoncini freschi
Inoltre
  • cacao amaro qb
  • cocco disidratato qb


 Procedimento

giovedì 8 marzo 2012

Nuova iniziativa ''Share Y♥U recipe''

Dillo con una sharata!! No non sono esaurita, almeno non più degli altri giorni, vi spiego....
Vi è mai capitato di visitare un blog ed incappando in una ricetta, un post ben fatto, una bella fotografia, pensare....''cavolo che meraviglia!!"
A me capita spesso e capita anche che quando commento il post non riesco a comunicare il mio vero entusiasmo, non perchè sia tirchia in aggettivi qualificativi, che siano di grado positivo comparativo o superlativo non fà differenza, qualsiasi cosa scriva sembra o troppo poco o troppo gonfiata fino a sembrare finta!
Sarà un problema solo mio???   
Ed è qui che mi si è accesa la lampadina!!!!!
Perchè non creare uno spazio dove poter condividere e dimostrare quindi l'ammirazione verso una ricetta/un post di un amico blogger?
Dopo averci pensato un pò è nato ''share Y♥U recipe''. Un angolo del mio blog dove appunto potremo condivedere quella ricetta di un amico blogger che viaggiando per il web ci ha colpite e vorremmo ''premiare'' citandola e rendendola ancora più visibile. Nessuna gara, nessuna competizione, solo pura e leale ammirazione verso il lavoro di qualcun altro.
Voi starete pensando, non dite di no che vi vedo ^.^ ma davvero c'è qualcuno che si scomoderebbe così tanto??
Io sono sicura di si, è una sorta di scommessa con me stessa e con le mie convinzioni del cavolo.. sono convinta che esistano molti blogger che ammirano i lavori degli altri e non si pongono il problema nel perdere 2 minuti del loro tempo per rendergli omaggio.
Allora che fare?? Si si vengo al sodo...
Vi piace il banner che ho creato per l'occasione?? Avete a disposizione uno più piccolo ed uno più grande, scegliete voi

Dolci golosità: share YOU recipeDolci golosità: share YOU recipe


Se vi va di far conoscere l' iniziativa dovreste prelevarlo e posizionarlo nella home page del vostro blog con collegamento a questo post.
(Preciso che il post di riferimento non sarà questo che state leggendo, ma QUESTO, che trovate direttamente in alto a destra nelle pagine statiche. Inoltre in questo post ci sono vari link, cliccate qualsiasi scritta ''share Y♥U recipe'', vi porterà nella pagina statica che ho dedicato all'iniziativa.)
Ora arriva la parte dove sarete protagoniste voi.
Quando vorrete ''sharare'' (termine da me coniato per l'occasione dal termine inglese: share - condividere) una ricetta, voi non dovrete fare altro che postarmi nei commenti della pagina dedicata, QUI, il link della ricetta/post che volete sharare. Al resto ci penserò io, infatti di volta in volta aggiornerò la pagina postando chi ha linkato chi, con tanto di link che porterà sia al vostro che al blog di chi avrete sharato.
Esempio:
Mariluna ha sharato ''Le dolci tentazioni di Claudia'' con il suo Baccalà alla ghiotta

Tutto chiaro? Se avete dubbi non esitate a chiedere!
Vi piace l'idea??????
Ditemidisi..ditemidisi...ditemidisi *___*

Quindi se non state più nella pelle (potrei sembrare un pò esaltata, vero?^_^) e volete iniziate già a sharare, vi aspetto QUI!!!!


PS. Tanti Auguri Donne!!!!

lunedì 5 marzo 2012

Torta al cioccolato con ganache


Dolci golosità: Torta al cioccolato con ganache
Torta al cioccolato con ganache

Solamente una torta al cioccolato, ripiena di cioccolato, coperta di cioccolato e che lasciasse schizzi di cioccolato in ogni 'ddove (specialmente sulle mie dita) poteva essere presentata oggi che, il blog, compie il suo primo Blog Compleanno!
Quasi non ci credo che sia già passato un anno qua con voi sulla blogsfera! Sfogliando indietro le pagine del blog, (se non l'avete già fatto...risparmiatevi) mi fanno sorridere i miei primi post...erano così ''basic''. Tutto è nato per gioco, lontano da me anni luce l'intento di poter mettere sù un blog che potesse portare visite.
Oggi, dopo un anno di pasticci e non, con quasi 35.000 visite all'attivo, e contando inoltre il fatto che quest'estate sono stata praticamente inattiva, tutto mi inorgoglisce!
Non mi vergogno e non mi nascondo dietro a nessun dito...mi inorgoglisce sapere che c'è gente che mi segue, sapere che una mia ricetta viene riproposta ed apprezzata e lo dico, sono felice!
Dico grazie a tutti coloro che passano di qui, che sia per caso o con intento non fà nulla, già che vi fermiate a leggere dovreste essere premiati! Dico grazie alla mia famiglia che non mi dice... ora basta con sti .zzi di dolci! Dico grazie al diabete che ha deciso di graziare tutta la mia famiglia e dico... grazie al cavolo che ingrasso!!!!!
Non mi dilungherò oltre, non siamo mica alla notte degli Oscar qua, vero? Volevo solo dirvi che mi dispiace non aver potuto organizzare un contest per l'occasione, ma da pignola come sono devo per forza rimandare il tutto a data da destinarsi!

In merito alla ricetta, come già stavo accennando prima, volevo qualcosa di cioccolatoso...non sò se ve ne siate accorti, ma l'etichetta ''cioccolato'' sta lievitando come il mio girovita! ^-^
Perciò ho sfornato la mia torta Compliblog con base di pan di spagna al cioccolato fondente farcita con ganache al cioccolato e nocciole. L'ho coperta con la ganache rimasta e il bordo con una crema al cioccolato fondente molto ''sciuè sciuè''. Per la decorazione ho usato dei zuccherini gialli e rosa che ho realizzato con la glassa all'acqua e una spolverata di cioccolato bianco grattuggiato. Spero vi piaccia, a me....chevelodicoaffà?  ^-^ Vi lascio lanciandovi tanti cuori, ve li siete meritati tutti! ♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥


Ingredienti per 8 persone:
Per il pandispagna
  • 80 gr di farina
  • 40 gr amido di mais
  • 70 gr di burro
  • 3 uova
  • mezza bustina di lievito
  • 150 gr di zucchero
  • 100 gr di cioccolato fondente al 70%
  • 1 pizzico di sale
  • vaniglia
Per la crema ganache
  • 150 gr di cioccolato fondente al 70%
  • 150 ml di panna fresca zuccherata

Per la crema al cioccolato
  • 100 gr di cioccolato fondente al 70%
  • 50 ml di panna fresca zuccherata
  • 25 gr burro
  • 50 gr di nocciole tritate
 Inoltre
  • nocciole per la farcia
  • 1 bicchiere di liquore per la bagna ( io ho usato metà marsala e metà limoncello)
  • zuccherini per la decorazione (io li ho realizzati con una glassa all'acqua)
  • cioccolato bianco grattugiato

Procedimento 


giovedì 1 marzo 2012

Torta sbriciolata cacao frutta secca e ricotta

Dolci
Torta sbriciolata cacao frutta secca e ricotta
Una torta ''croccante'' e morbida allo stesso tempo, che anche se all'apparenza sembri un dolce insignificante arrivato al palato vi chiederete come fare a resistere nel mangiarne un'altra fetta! 
Questa è la torta della mia mamma,  per anni ha presenziato sulla nostra tavola nei giorni di festa e non. Una sorta di prezzemolino..quando si era invitati e si doveva portare il dolce, ti presentavi con questa ed eri sicuro che tutti avrebbero gradito!
Abbiamo questa ricetta praticamente da secoli (vabbè... forse ho esagerato un pò ^.^), ma ci tengo veramente tanto perchè mia madre la conserva gelosamente e perciò vi pregherei, nel caso la vorreste riproporre su altri siti o blog, di ricordarvi di citarne la fonte.
Questa torta non è la solita sbriciolata, almeno io non è ho mai mangiato una simile, anche se l'aspetto non lo farebbe intendere! Chiunque assaggi questa versione rimane colpito perchè sia la frutta secca ( si può usare quella che si desidera, se si mischiano diversi tipi è ancora meglio) che il cacao le danno un gusto meraviglioso, inoltre sentire sotto ai denti le noci e le nocciole è di una goduria guduriosa!!!

Ok, forse potrà sembrare che sto elogiando troppo un pezzo di torta che sembra affumicata con 4 nocciole spiacciacate sopra e un pò di ricotta infilata nel mezzo..ok ok, ma sono una nostalgicasentimentalista...questa torta per me è come il pane e cioccolato dei nostri nonni!!!
Quindi facciamo che, prima di prendermi in giro (anche se avete tutte le ragioni del mondo) provatela e poi ventite a farmi tutte le coglionelle che vorrete!!!! ^__^

Ingredienti per 8 persone:
  • 500 gr farina
  • 200 gr zucchero
  • 200 gr burro fuso
  • 1 uovo
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 3 cucchiai di cacao amaro
  • 200 gr di frutta secca (nocciole, noci, pinoli o noccioline)
  • 1 pizzico di sale
Per il ripieno
  • 500 gr di ricotta fresca
  • 240 gr di zucchero
  • 50 gr di cioccolato fondente a pezzetti
  • 1 uovo
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini di cannella
  • mezzo bicchierino di liquore (io liquore arancia)

mercoledì 29 febbraio 2012

Liberate Rossella

Rossella Urru

Come avrete potuto notare questo non è il solito post. 
Anche io ho voluto accogliere l'iniziativa promossa da Donne Viola condividendo il loro appello lanciato su Articolo 21 - Appello per la liberazione di Rossella

Bisogna palare il più possibile di questo sequestro affinchè gli organi competenti si mobilitino e rivolgano maggiore attenzione verso questo caso. Più siamo a parlarne, più gente fà sentire pressione e più speranze si potranno avere affinchè Rossella possa ritornare il più velocemente a casa tra i suoi cari!
Ricordiamoci che Rossella è una cittadina Italiana e DEVE essere tutelata come noi tutti ci aspettiamo dal nostro Stato!
La sua famiglia è chiusa nel suo dolore, dolore che si moltiplica di ora in ora da quel silenzio che le autorità, e non si capisce bene il perchè, non si decidono a spezzare!


''In molti abbiamo vacillato di impotenza. Ci siamo sentiti infinitamente soli di fronte a tanto assurdo, svuotati da tanta assenza improvvisa. Così ci siamo chiusi in un lungo silenzio. Ma quello che noi credevamo un silenzio si è rivelato essere in realtà un coro di voci giunte da ogni dove. Un coro di solidarietà e di affetto che, dalla notte tra il 22 e il 23 ottobre, diventa sempre più accorato, sempre più grande e sincero. Senza addentrarsi in considerazioni ed analisi di ordine politico o religioso, lasciando quindi che siano gli esperti ad occuparsene in altre sedi più appropriate, questo blog vorrebbe solamente essere il punto di incontro fra tutte queste voci. Raccogliendo e condividendo in un unico spazio libero e aperto a tutti le numerose testimonianze per l’immediata liberazione di Rossella Urru.''
 
Fausto, Mauro, Graziano e Marisa


Se volete potete visitare il sito di Rossella Urru   QUI
Rossella io sono con te, resisti...!!!

sabato 25 febbraio 2012

Rotolo alla nutella

Dolci golosità: Rotolo alla nutella
Rotolo alla nutella
La settimana scorsa è arrivato il mio ragazzo e volendo preparare un dolce veloce che non m'impegnasse troppo ho preparato questo rotolo, con la nutella sapevo d'andare sul sicuro! La base è la mia pasta biscotto che rimane soffice soffice, non posso dire con certezza fin quando..perchè viene sempre spazzolato nel giro di due giorni, ma credo che duri tanto. Come potete notare la base è di due colori, ho diviso il composto a metà ed in uno ho aggiunto un pò di cacao ma si possono aggiungere direttamente due cucchiaiate di nutella sciolta. Questo è finito nel giro di poco, l'indomani ne ho fatto un altro dove ho appunto aggiunto la nutella al composto ed il risultato è praticamente uguale.
Mi dispiace che in questi giorni non sono potuta essere presente ma ero in dolce compagnia e non potevo trascurarlo dopo che abbiamo aspettato tutti questi mesi per rivederci!
Il carnevale mi è passato senza poter friggere una frappa, un cannolo...niente di niente! Ne ho guadagnato un pò in salute perchè al paese del mio ragazzo mi hanno fatto mangiare di tutto..dalle salsicce all'anatra, dai ferrazzuoli e le pitte preparati dalla suocera al ragù di carni miste della cognata, praticamente una settimana all'ingrasso!
Meno male che c'è la Quaresima di mezzo!

Ingredienti per 7 persone:
  • 100 gr farina 00
  • 50 gr amido di mais
  • 170 gr zucchero
  • 4 uova
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 bustina di vanillina o bacca di vaniglia
  • 1 pizzico di sale
  • 3 cucchiai di cacao in polvere ( o nutella)
Inoltre
  • nutella per farcire
  • liquore all'arancia per la bagna

martedì 14 febbraio 2012

Torta speziata mele e uva sultanina

Dolci golosità:Torta speziata mele e uva sultanina
Torta speziata mele e uva sultanina



Con un salto temporale di circa 10 giorni passo dalla torta di mele proposta QUI, ad un'altra torta, sempre di mele, ma arricchita da un mix di spezie e da frutta secca quale l'uva passa.

Se caso mai ve lo steste (grammatica maledetta!) chiedendo, no..non c'azzeccano nulla l'una con l'altra. La consistenza è pressoché simile, ma sia il sapore che il profumo sono della prima delicato e molto easy, della seconda invece forte e deciso. Volendo fare un paragone sono tipo Beth e Jo delle "Piccole donne" oppure Topo Gigio e Uan..dipende dai gusti, si può preferire una più che l'altra, insomma...nessun conflitto d'interesse!
A proposito d'interessi, se non ve ne foste resi conto...ci sono io a ricordarvelo, siamo nella settimana del Festival e delle solite polemiche lapalissiane sui badget, vallette e ospitate varie! Non dite chemenefrega, perché dopo anni sono ancora qui, all'alba del grande evento, a chiedermi se esista qualcuno a cui possa interessare tale evento ''musicale''. Anche quei matusalemme tradizionalisti dei miei genitori reputano il Festival di Sanremo  "antico e ripetivo"  (da rilevare che la gentil genitrice è fedele e appassionata spettatrice della saga dei Forrester) e questa cosa la dice lunga sul tutto. E come se non bastasse, come ripeteva il buon Totò...e io pago!! Io pago in senso figurato, i soldi del canone li sborsa papà. Ma veramente ancora (visti i tempi magri) vogliamo togliere dalla bocca alla gente questi ultimi spiccioli del canone (non pochi, e chi l'ha pagato sà bene dell'aumento) per mandare avanti monnezza come questo carrozzone, che in concomitanza del Carnevale, pare voler fare il verso a se stesso e far ridere la gente alla stregua di un carro allegorico?
Furbata delle furbate? Far iniziare il Festival la sera di S.Valentino. Mi viene da ridere solo a pensarci...stasera metà delle coppie uscirà e l'altra metà farà all'amore sommersi da chili di petali di rose. I single si organizzeranno di conseguenza in casa d'amici affogando i pensieri in qualche bicchierino...e poi ci sono i single e senza amici. Categoria che vedo veramente a rischio stasera, soli a casa che malauguratamente incappano nel Festival, temo suicidi di massa!!
Per non parlare poi delle polemiche del giorno dopo sui dati auditel.
Capisco che queste divagazioni non interessano a nessuno, odiatemi pure, ne avete tutte le ragioni!!!
Io intanto mi consolo con l'ultima fetta di torta rimasta, visto che il mio S. Valentino non sarà allietato né da cene romantiche o chili di rose...rimarrò tappata in casa e aspetterò, come ogni sera, che arrivino le 23 circa per sentire il mio lui. Se nei prossimi giorni non mi vedrete più comparire preoccupatevi pure, non avrò superato il momento triste....ma de che, eheheh!
Lovvatevi più che potete, un Buon S.Valentino a tutti ♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥•**•♥**•♥•**•♥•**•♥•**•♥**•♥ che l'amore, oggi e per sempre, sia con voi! E ora che ci siamo, buona settimana Sanremese....cistocredendofortemente!!! ^.^



Ingredienti per 6 persone:
  • 200 gr farina 
  • 40 gr fecola di patate 
  •  190 gr zucchero 
  • 90 gr burro 
  • 400 gr mele (sono 2 mele medie) 
  • 120 gr uva sultanina 
  • 50 ml marsala 
  • 1 uovo 
  • 1 cucchiaino lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di bicarbonato 
  • 2 cucchiaini cannella 
  • 4 chiodi di garofano tritati 
  • 1 pizzico di sale 
  • scorza d'arancia grattugiata
Inoltre
  • zucchero a velo per la copertura



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...